Bagni di San Filippo Balena Bianca
Diario di viaggio Italia

I bagni di San Filippo: Toscana on the road!

on
1 Luglio 2020

Partiamo!

I Bagni di San Filippo, noti fin dall’epoca degli antichi romani, sono una meta che rincorriamo da un po’. Appassionati di luoghi immersi nella natura non ci facciamo sfuggire l’occasione di poterli visitare.

Siamo tra la Val d’Orcia e il Monte Amiata, nel sud della Toscana.

Qui c’è una sorgente sulfurea la cui acqua è ricca di sostanze calcaree le quali si depositano su qualsiasi cosa con cui vengono a contatto ricoprendola di bianco calcare venato di toni bruni.

Ripartiamo dunque, scontrandoci con alcuni problemi della nostra camperizzazione che si rivela da subito poco efficace. Per essere pronti a partire all’orario concordato non riusciamo nemmeno a fare colazione pur alzandoci molto presto. Finiamo per mangiare qualcosa al volo mentre innestiamo la prima.

Mettiamola così: abbiamo molto margine di miglioramento!

Verso i Bagni di San Filippo

I Bagni di San Filippo non sono proprio a un tiro di schioppo. Per arrivarci dobbiamo, ahimè, percorrere la strada asfaltata che ci condurrà a destinazione solamente dopo l’ora di pranzo.

Quando arriviamo è tardi quindi cerchiamo parcheggio tra gli spazi autorizzati e mangiamo un boccone al volo prima di incamminarci verso le terme.

La città Bagni San Filippo ha, neanche a dirlo, un centro termale, ma quello che interessa a noi è il percorso del fosso bianco e la collina ricoperta di calcare: la Balena Bianca.

La Balena Bianca

Questa è sicuramente la conformazione più suggestiva di tutto il luogo. È stata chiamata così per la sua somiglianza alla bocca della balena. Si trova all’interno di un bosco e attira la maggior parte dei turisti che vengono a visitare queste terme naturali.

Lungo il sentiero che conduce qui ci sono diverse piccole vasche artificiali che consentono di stare un po’ in ammollo nell’acqua calda.

Il problema grosso a mio avviso è che mancano delle strutture adatte a valorizzare il luogo. È vero che l’accesso è gratuito, ma alcune passerelle per individuare un percorso pedonale non guasterebbero.

Bagni di San Filippo balena Bianca
Conformazione “Balena Bianca”ai Bagni di San Filippo
Bagni di San Filippo Toscana on the road
Area della Balena Bianca ai Bagni di San Filippo
Particolare Balena Bianca
Conformazioni calcaree della Balena Bianca

L’area è comprensibilmente fangosa per via dei turisti che fanno il bagno. Questo li porta a sparpagliarsi in ogni possibile sentiero, per evitare di scivolare, impedendo così all’erba di crescere lasciando il bosco brullo e spoglio.

Nei pressi della Balena Bianca poi non è possibile fare un vero e proprio bagno, diciamo che ci si bagna con il rigolo d’acqua che viene fatto scendere attraverso un tubo arancione dalla sommità della collina.

Questo non toglie che qualche foto bella si riesca a fare. Non fermatevi solo a queste però.

Verso il Monte Amiata

Un po’ delusi dalla visita riprendiamo i nostri amati mezzi e cerchiamo un luogo sicuro dove parcheggiare per la notte.

Sempre via asfalto ci dirigiamo verso le miniere più importanti per l’estrazione di CINABRO, materiale da cui si ricava il prezioso mercurio, note come miniere di Abbadia San Salvatore sul monte Amiata.

Vi anticipo che la loro visita sarà davvero affascinante!

continua…

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT

Elisabetta Pastrello
Venezia, Italia

Mi chiamo Elisabetta. Sono una donna dalle molte passioni, alcune le ho scoperte piano piano, altre sono esplose come un fuoco d'artificio nella notte nera. Benvenuto nel mio mondo. Sentiti a casa.