attrezzatura off-road 4x4
Tecnica

Attrezzatura off-road 4×4: 11 pezzi indispensabili

on
28 Gennaio 2020

Qual è l’attrezzatura off-road 4×4 indispensabile per un off-roader previdente?

Oggi voglio rispondere a questo quesito stilando una guida definitiva di tutto ciò che ritengo utile per affrontare un percorso off-road in sicurezza.

Le variabili in gioco sono molte, come del resto anche le esigenze di ognuno di noi, che non sempre si combinano con le necessità di un viaggio o di una gita fuori porta in off-road. Ecco perché cercherò di essere il più generale possibile in modo che tu possa scegliere quali sono le tue attrezzature indispensabili.

1 – Attrezzatura off-road 4×4: piccola sega da legno

Iniziamo con le cose più semplici: una piccola sega richiudibile.

attrezzatura off-road 4x4 seghetto
Attrezzatura off-road 4×4: piccolo seghetto pieghevole

Quando ti approcci ad un’uscita off-road, potresti non conoscere il percorso perché è la prima volta che lo approcci, o perché è da un po’ che non ci vai.

In entrambi i casi potresti aver bisogno di una piccola sega da legno, o anche un trancino, per eliminare dei rami che potrebbero metterti in difficoltà (non parlo di strisciare la carrozzeria! La strisciata la devi sempre mettere in conto!).

La sega, rispetto al trancino, ti consente di essere più flessibile in termini di diametro del ramo da tagliare. Di contro devi faticare un po’ di più.

In talune circostanze non è necessario ricorrere a tali stratagemmi, basta una mano per spostare il ramo e il gioco è fatto, ma è bene essere previdenti.

2 – Attrezzatura off-road 4×4: pala

Ecco un altro utile, e poco ingombrante, attrezzo da tenere sempre nella propria 4×4: la pala.

Se ti trovi impantanato sulla sabbia, rimboccati le maniche e dacci dentro.

Idem se ti dovessi trovare in mezzo al fango, se non altro per toglierne un po’ dal fondo del fuoristrada, o per smussare certe pendenze, soprattutto se sono dovute a tracce profonde create dai fuoristrada passati prima di te, che ti fanno spanciare e rimanere fermo come una roccia preistorica.

Se poi le cose vanno per le lunghe, e non ne vieni fuori, puoi sempre usarla per spostare le braci da un punto all’altro per cucinare il cinghiale che nel frattempo hai cacciato per sopravvivere.

3 – Attrezzatura off-road 4×4: strop, ganci e grilli

Le strops, o fettucce, fanno parte di quell’attrezzatura che il buon off-roader previdente dovrebbe sempre avere con se.

Per i non addetti ai lavori le strops altro non sono che delle fettucce di poliestere più o meno lunghe, e larghe, che servono in varie occasioni: manovre a strappo, traino e altro. Ganci e grilli sono gli “strumenti” che servono per fissarle al fuoristrada o al supporto di fortuna.

Ogni strop ha una specifica portata nominale e una portata di rottura. La scelta di quella più opportuna è solo tua (meglio sempre abbondare un po’).

attrezzatura off-road 4x4
Attrezzatura off-road 4×4: vari tipi di strop

Se sei immobilizzato, o se la macchina tende a scivolare via, la strop potrebbe essere la tua migliore amica. Qualcuno potrebbe aiutarti a uscire dal punto in cui sei con uno strappo. Anche stabilizzare l’auto con la strop non è male… soprattutto se si vuole che l’auto resti sul tracciato scelto.

Gli scenari possono essere i più variegati quindi… meglio essere preparati e previdenti.

4 – Attrezzatura off-road 4×4: verricello

Ecco, qui la cosa si fa un po’ più complessa. Il verricello elettrico per essere installato ha bisogno di un’omologazione, oltre al montaggio di un paraurti a uso gravoso o, in alternativa, della piastra di fissaggio.

Anche il verricello ha una sua portata di traino, che dovrà essere almeno uguale, se non maggiore, a quella del tuo mezzo. In commercio se ne trovano sia in cavo d’acciaio, che in fibra tessile.

Due sono le differenze fondamentali tra le due tipologie di materiale.

La prima è legata alla modalità di avvolgimento al corpo centrale del verricello stesso. Il cavo d’acciaio va avvolto a regola d’arte, il cavo tessile va avvolto malamente.

La seconda è legata al momento di rottura: il cavo d’acciaio quando si rompe fa danni, e può essere pericoloso per chi si trova nei paraggi, il cavo in fibra tessile quando si rompe… non fa danni (hai detto niente!).

Poiché il verricello dovrà lavorare in condizioni gravose… meglio sceglierne uno di buona qualità, per evitare che si rompa subito o che sia inutilizzabile proprio quando ci troviamo in panne (in Veneto i santi cadrebbero come mosche).

Se non vuoi/puoi sostenere la spesa, sappi che esistono anche dei verricelli manuali che in caso di bisogno fanno comunque il loro lavoro.

Molte sono le situazioni difficili in cui è necessario utilizzare un verricello. In taluni casi la sua portata potrebbe essere insufficiente. Nel prossimo capitolo ti svelerò un trucco: come raddoppiarne la portata di tiro!

Prima però ti segnalo questo articolo piuttosto completo sull’uso del verricello, dove troverai anche alcuni suggerimenti utili come l’uso di una coperta sul cavo teso per assorbire l’energia di rottura della fune d’acciaio nel caso in cui si spezzasse.

Ah! Il verricello non è detto che possa essere utile solo in salita, a volte è fondamentale anche in discesa, in retromarcia (come nella foto qui sotto). Proprio per questo molti off-roader lo montano sia davanti che dietro.

attrezzatura off-road 4x4
Attrezzatura off-road 4×4: uso del verricello in discesa

5 – Attrezzatura off-road 4×4: taglia

La taglia è il nome che viene dato in gergo off-road alla carrucola.

Questa è di fatto una carrucola apribile: ha due maniglie forate che possono aprirsi ruotando, una in senso opposto all’altra, per far entrare il cavo del verricello che tornerà indietro agganciandosi al grillo del paraurti. In questo modo i cavi “tiranti” saranno due e non più uno solo.

Ecco svelato il trucco per far raddoppiare la forza trainante del tuo verricello.

È possibile avendo due carrucole avere tre linee di traino.

Anche in questo caso gli usi delle carrucole sono tra i più svariati, e visto che ne il costo ne l’ingombro sono eccessivi, meglio evitare di essere impreparati.

6 – Attrezzatura off-road 4×4: piastre antisabbia

Le piastre antisabbia possono essere utili in molti modi.

Come suggerisce il nome sono ottime qualora ci si trovi impantanati su un fondo sabbioso, per uscire da soli, dal punto in cui ci siamo arenati.

In commercio se ne trovano di due tipologie: arrotolabili o rigide. Le prime sono in plastica e volendo potrebbero essere usate anche su terreni fangosi; le seconde sono o di plastica o di alluminio.

Le piastre rigide necessitano per forza di cose di un alloggiamento esterno al veicolo. Alcuni le posizionano lateralmente con dei supporti appositi, altri le posizionano sul tetto.

7 – Attrezzatura off-road 4×4: compressore portatile

Quando si percorrono strade in off-road potremmo avere l’esigenza di dover sgonfiare le gomme per avere una presa maggiore per quel particolare tipo di terreno.

La sabbia è sicuramente uno di quei terreni in cui è necessario sgonfiare le gomme , ma non è l’unico. Anche certi tipi di terreni sassosi (tipo il letto dei fiumi) hanno bisogno di gomme sgonfie.

Per sgonfiare, e rigonfiare poi, è necessario avere un piccolo compressore che ha un ingombro minimo (a meno che tu non abbia montato un sistema pneumatico che lo fa comodamente dall’interno del veicolo, ma il costo chiaramente è differente).

8 – Attrezzatura off-road 4×4: pneumatici adatti

Sembra banale, ma non lo è.

In un mondo in cui quasi ogni famiglia ha due auto, non è possibile, o pensabile, usare un fuoristrada solo ed esclusivamente per viaggi o raduni. Può pertanto capitare di non avere lo pneumatico adatto al terreno in cui ci si trova.

Per chi ha la possibilità di arrangiarsi un buon compromesso potrebbe essere avere dei doppi cerchi, con doppie gomme. In questo caso si potrebbe montare un treno di gomme più performanti prima di partire.

Certo… c’è un po’ da sbattersi.

9 – Attrezzatura off-road 4×4: catene da neve

Le catene da neve hanno sempre il loro perché, e non solo per il ghiaccio!

Nelle condizioni in cui lo pneumatico che montiamo non è propriamente adatto al terreno in cui ci troviamo, avere le catene con se potrebbe rivelarsi una mossa vincente.

10 – Attrezzatura off-road 4×4: chiavi, pinze, cacciaviti

Avere un minimo di dimestichezza con la meccanica del proprio mezzo, non guasterebbe, ma è ovvio che non tutti hanno le abilità/conoscenze necessarie per fare ciò.

Vero è che quando si esce in gruppo, ci sarà sempre chi le avrà, e qualche attrezzo in più, meglio se giusto per il proprio 4×4 non guasta mai.

11 – Attrezzatura off-road 4×4: ingegno e prudenza

Ingegno e prudenza sono indispensabili. È anche fin troppo facile passare da una sciocchezza a un guaio.

Con l’ingegno poi si possono superare molti ostacoli. La foto in copertina… non è a caso.

Spero con questo elenco di aver esaurito tutto quello che c’era da dire, se a te viene in mente altro fammelo sapere nei commenti!

TAGS

LEAVE A COMMENT

Elisabetta Pastrello
Venezia, Italia

Mi chiamo Elisabetta. Sono una donna dalle molte passioni, alcune le ho scoperte piano piano, altre sono esplose come un fuoco d'artificio nella notte nera. Benvenuto nel mio mondo. Sentiti a casa.